Home arrow Career arrow Tutti i profili arrow Elisa Visentini
Career dedicato ai Manager
dello Sport Business e
del Marketing Sportivo
SEGUICI SU:

Seguici su YouTube Seguici su Twitter Seguici su Facebook Seguici su LinkedIn
libreria dello sport

di
anno

Stampa E-mail
Elisa Visentini Elisa Visentini
Vice Presidente – Direzione Clienti

Studio Ghiretti & Associati
Elisa Visentini del 1970.

Attuale posizione:
Dal 2001 Vice Presidente Studio Ghiretti & Associati – Direzione Clienti

Esperienze precedenti:
Lega Pallavolo Serie A Maschile, Lega Rugby Super 10, Venicemarathon.
Consulenza in attività di marketing sportivo per numerose aziende tra cui: Coca-Cola Italia, Findomestic banca, Groupama Assicurazioni, Yakult Italia, Skoda, Gruppo Autogerma.
Responsabile di progetti alcuni speciali pianificati da Studio Ghiretti tra cui Avon Running Tour.

Formazione:
Laurea in Economia Aziendale - Università degli studi di venezia - Cà Foscari
  1. Cosa ti ha portato a lavorare nell’industria dello sport business?
    • Oltre a uno specifico interesse per lo sport come forma di comunicazione in un momento in cui si stavano sviluppando interessanti percorsi "below the line" ho cercato progressivamente di acquisire post-laurea una specifica competenza in questa materia, fino a fare dello sviluppo di progetti e azioni di comunicazione in ambito sportivo una “nuova” professionalità.
  2. Qual è il livello di professionalità nel settore?
    • Non sono particolarmente diffuse le professionalità specifiche o "non importate" da altri settori limitrofi; l’interesse è in crescita e la tendenza è decisamente alla "segmentatazione" della professionalità anche in tema di competenze su gestione di partnership sportive e percorsi di comunicazione aziendale applicati allo sport.
  3. Cosa miglioreresti nel business dello sport?
    • Per migliorare il business dello sport è fondamentale procedere verso l’elevazione dello sport a vero asset culturale e sociale; con ciò si intende la capacità di dare un impulso generale al movimento a tutti i livelli: quello legislativo, quello formativo, quello economico e quello politico. Le strategie presuppongo programmazione su orizzonti temporali adeguati che spesso a livello di sport e sport business sono attualmente carenti.
  4. Quali sono i segmenti di questo settore con maggiore possibilità di crescita?
    • Decisamente la scelta dello sport in modo strategico e non "tattico"; valutandolo come un vero canale di comunicazione e utilizzandone tutti i possibili "strumenti", definendo una strategia organica che attivi nella globalità le opportunità che sono offerte.
  5. Cosa consiglieresti ad un giovane che voglia entrare in questo settore?
    • Di acquisire competenza specifica sia tramite programma di studi che tramite esperienza sul campo che percorra tutta la "filiera" della produzione del prodotto "sport"; conoscere i meccanismi intrinsechi alle attività e funzionalità sportive è la base della competenza che ci permette di sviluppare al meglio le opportunità e massimizzare l’efficacia di ogni intervento/attività.
 
< Prec.   Pros. >
torna su