Home arrow Career arrow Tutti i profili arrow Paolo La Placa
Career dedicato ai Manager
dello Sport Business e
del Marketing Sportivo
SEGUICI SU:

Seguici su YouTube Seguici su Twitter Seguici su Facebook Seguici su LinkedIn
libreria dello sport

di
anno

Stampa E-mail
Paolo La Placa Paolo La Placa
Marketing Manager Performance

PUMA Italia
Paolo La Placa, del 1975.

Attuale posizione:
Marketing Manager Performance in PUMA Italia.

Esperienze precedenti:
Dal 2000 al 2008 ha lavorato per Nike come Category Manager, in PUMA come Senior Merchandiser & Sponsoring , come Assistente Marketing per Publitalia ’80 e Marketing Research Executive presso la Ipsos.

Formazione:
Nel 1999 Laurea in Economia Aziendale presso il Libero Istituto Universitario C. Cattaneo (LIUC).
Nel 2002 alla London Guildhall University post Diploma in Marketing e Comunicazione.
Nel 2005 Master presso la SDA dell’Università Bocconi in Sistema Moda.
  1. Cosa ti ha portato a lavorare nell’industria dello sport business?
    • La passione per lo sport e il desiderio di lavorare nel marketing in un settore dove la comunicazione e l’attenzione per il consumatore trainano il business.
  2. Qual è il livello di professionalità nel settore?
    • Per quanto riguarda il settore in cui lavoro la professionalità è molto alta, soprattutto se consideriamo i principali attori di questo mercato (PUMA, NIKE e ADIDAS), che hanno le dimensioni e un approccio al marketing da multinazionale del largo consumo.
  3. Cosa miglioreresti nel business dello sport?
    • Mi piacerebbe che ci fosse da parte di tutti gli attori, media, politica e aziende che operano in questo settore, una maggiore attenzione per gli sport “minori” al di fuori del Football.
  4. Quali sono i segmenti di questo settore con maggiore possibilità di crescita?
    • Per quanto riguarda il mio settore, ci sono sport e categorie che meritano particolare attenzione, uno di questi è il mondo del rugby, per i valori che esprime e la particolare professionalità e attenzione che riscuote nei paesi a noi più vicini. In generale poi presterei particolare attenzione al mondo della donna, in termini di business ha un potenziale spesso sottovalutato.
  5. Cosa consiglieresti ad un giovane che voglia entrare in questo settore?
    • Di coltivare le sue passioni e trovare il modo per approcciarsi il prima possibile a questo mondo, partendo dalla gavetta e dal campo (opportunità ce ne sono molte)... ogni occasione si può rivelare preziosa e può aprire molte porte.
 
< Prec.   Pros. >
torna su