Home arrow Career arrow Tutti i profili arrow Riccardo Carossia
Career dedicato ai Manager
dello Sport Business e
del Marketing Sportivo
SEGUICI SU:

Seguici su YouTube Seguici su Twitter Seguici su Facebook Seguici su LinkedIn
libreria dello sport

di
anno

Riccardo Carossia Stampa E-mail
Riccardo Carossia Riccardo Carossia
Responsabile Comunicazione & Marketing

Consorzio Vero Volley - Monza
Riccardo Carossia nata nel 1961.

Attuale posizione:
Responsabile Comunicazione & Marketing Consorzio Vero Volley - Monza.
Addetto Stampa - CheBanca! Milano – Serie A2 maschile di Volley Milano.
Responsabile dei Dirigenti – Consorzio Vero Volley.

Esperienze lavorative:
2008-2009 Team Manager – Webank Monza – Serie B1 maschile di U.S. Pro Victoria Monza.
Dal 2008 Responsabile dei Dirigenti – Consorzio Vero Volley.
Dal 1986 al 2008 Manager in aziende multinazionali ed italiane, con ruoli di direzione commerciale e generale.

Formazione:
2008 - Master per Dirigenti Sportivi – Coni – Provincia Milano.
2007 - Corso di Coach Professionista – NLP Italy – Milano.
2006/07 - Corsi per Dirigenti Sportivi di primo e secondo livello – Coni – Provincia Milano.
1996/97 - Executive Master per Dirigenti aziende commerciali – CFMT/SDA Bocconi – Milano.
1991/92 - Master in Management – Ecole des Cadres Supérieurs – Groupe Elf-Aquitaine – Paris.
1989 - Laurea in Scienze Politiche, indirizzo Politico Internazionale, Università degli Studi – Milano.
  1. Cosa ti ha portato a lavorare nell’industria dello sport business?
    • In primo luogo il grande amore e la passione per lo sport, che ho praticato fin da giovanissimo con intensità ed a livello agonistico e che continuo a praticare tuttora. L’esperienza diretta mi ha confermato che lo sport, indipendentemente dalla disciplina scelta, se praticato in un ambiente sano e sotto una guida esperta e preparata è una grandissima esperienza di vita.
      In secondo luogo l’incontro con la Dottoressa Alessandra Marzari, che aveva iniziato ad elaborare il proprio progetto di cultura sportiva partendo dalla U.S. Pro Victoria di Monza, società nella quale mio figlio aveva iniziato a giocare. Ho iniziato ad occuparmi del settore giovanile, come dirigente accompagnatore; la possibilità di coniugare le mie esperienze e competenze manageriali con il mondo dello sport mi ha subito affascinato e con la crescita del progetto è andato aumentando il mio coinvolgimento, fino a quando si è costituito il Consorzio Vero Volley ed il Presidente Marzari, dopo l’esperienza come Team Manager della serie B1 maschile, mi ha proposto di occuparmi a tempo pieno di comunicazione e marketing per Vero Volley.
  2. Qual è il livello di professionalità nel settore?
    • Piuttosto eterogeneo, spesso con grandi diversità anche all’interno della stessa disciplina sportiva.
      Il settore della pallavolo ha la particolarità di poter contare su un gran numero di atleti, tecnici e dirigenti con formazione universitaria, che rappresenta un ottimo punto di partenza per lo sviluppo di competenze manageriali. Inoltre negli anni è molto cresciuta l’offerta di formazione specialistica in management dello sport, erogata da prestigiose istituzioni accademiche e sportive; basti ricordare il Master Internazionale organizzato con il patrocinio della Fifa, la Sport Business Academy, creata da SDA Bocconi e RCS Sport ed i corsi di specializzazione del Coni, alla Scuola dello Sport.
  3. Cosa miglioreresti nel business dello sport?
    • Un argomento che mi sta molto a cuore è l’erronea conoscenza, ancora diffusa, circa i contenuti e le dinamiche delle sponsorizzazioni sportive. La pallavolo, per esempio, è la seconda disciplina più praticata e seguita in Italia e ciò nonostante la ricerca di sponsor, anche di fronte a progetti di ampia portata e di validi contenuti, è molto difficile, perché sono ancora troppo poche le imprese italiane che hanno compreso a fondo le grandi potenzialità di questo sport, sul piano del suo valore culturale ed educativo, su quello della trasmissione di valori e della responsabilità sociale d’impresa.
  4. Quali sono i segmenti di questo settore con maggiore possibilità di crescita?
    • Sono convinto che si debba lavorare a fondo sulla comunicazione integrata, che sfrutti in modo sinergico tutti gli strumenti oggi disponibili, unendo in modo armonico quelli tradizionali e quelli evoluti od innovativi.
      Un altro aspetto da curare con attenzione per far crescere lo sport business è il marketing, declinato in tutti i suoi aspetti e sviluppato in stretta correlazione con la comunicazione, allo scopo di realizzare per gli sponsor piani commerciali efficaci ed evoluti.
      La gestione degli eventi sportivi, fatta in modo da coniugare piacevolmente la passione con il tempo libero, la partecipazione con il coinvolgimento delle famiglie, lo spettacolo con il divertimento, è senza dubbio un altro degli aspetti che hanno ampi margini di crescita in Italia.
  5. Cosa consiglieresti ad un giovane che voglia entrare in questo settore?
    • Preparazione teorica e pratica, passione ed impegno; tutti ingredienti indispensabili per una buona riuscita.
 
< Prec.   Pros. >
torna su