Home arrow Career arrow Tutti i profili arrow Stefano De Antoni
Career dedicato ai Manager
dello Sport Business e
del Marketing Sportivo
SEGUICI SU:

Seguici su YouTube Seguici su Twitter Seguici su Facebook Seguici su LinkedIn
libreria dello sport

di
anno

Stampa E-mail
Stefano De Antoni Stefano De Antoni
Marketing Manager

Infront Italy
Stefano De Antoni, nato a Tortona il 9/02/1972.

Attuale posizione:
dal 2006 Marketing Manager in Infront Italy.

Formazione:
Ingegneria presso l’università di Pavia.

Esperienze precedenti:
Product Manager presso la Iveco Motors, nel 2003 Sponsorship Manager e Marketing venue Manager per il Comitato organizzatore dei XX Giochi Olimpici Invernali di Torino 2006.
  1. Cosa ti ha portato a lavorare nell’industria dello sport business?
    • La passione per lo sport e la curiosità di essere "dietro le quinte" di un grande evento sportivo. Poter contribuire all’organizzazione ed alla gestione di eventi di grande richiamo per il pubblico di appassionati e non, offre delle soddisfazioni che nessun altro tipo di lavoro può dare.
  2. Qual è il livello di professionalità nel settore?
    • Negli ultimi anni il livello di professionalità nello sport business nel nostro paese è certamente aumentato. Le realtà a carattere più internazionale hanno al loro interno professionisti con know how e skill di altissimo livello nelle varie discipline aziendali (marketing, comunicazione, finanza, legal). Anche realtà più locali si stanno dotando sempre di più di risorse umane con un elevato livello di professionalità per rendersi competitivi in un mercato sempre più esigente. Sono convinto che nei prossimi anni riusciremo a ridurre il gap che ci separa da paesi storicamente più "avanzati" in questo settore, come Inghilterra o Stati Unti.
  3. Cosa miglioreresti nel business dello sport?
    • Gli impianti sportivi vanno sicuramente migliorati e modernizzati per consentire una maggiore fruibilità dell’evento da parte del pubblico, ma questo potrà avvenire in tempi medio lunghi. Nel breve le società sportive e gli organizzatori degli eventi devono assumere una mentalità sempre più marketing oriented per offrire alle aziende ed ai potenziali investitori un prodotto che sia una vera e propria piattaforma di comunicazione e diventi una valida alternativa alla pubblicità classica.
  4. Quali sono i segmenti di questo settore con maggiore possibilità di crescita?
    • Marketing e vendite, per consentire alle società sportive o alle agenzie che si occupano della gestione dei diritti televisivi e pubblicitari di rispondere alle esigenze dei potenziali investitori e rispondere all’aumento della competitività del mercato.
  5. Cosa consiglieresti ad un giovane che voglia entrare in questo settore?
    • Per lavorare nello sport c'è bisogno di competenze culturali, professionali e metodologiche, quindi, unitamente alla passione per questo settore, occorre una solida preparazione che si acquisisce grazie alla formazione "scolastica" (università e master specialistici) e all’esperienza maturata sul campo.
 
< Prec.   Pros. >
torna su