Home arrow Focus arrow Bilancio A.s. Roma
Focus
Focus gli approfondimenti con ricerche, statistiche, presentazioni e dossier 
SEGUICI SU:

Seguici su YouTube Seguici su Twitter Seguici su Facebook Seguici su LinkedIn
libreria dello sport

di
anno

Bilancio A.s. Roma Stampa E-mail
Tutti i Focus
sabato 06 ottobre 2012
AS Roma Roma squadra calcio Roma calcio Roma Curva Sud
Proponiamo di seguito un'altra analisi di bilancio dei club italiani, sull'A.s. Roma, grazie al lavoro di Luca Marotta, proposto sul portale www.ju29ro.com.

Il 5 ottobre 2012 il Consiglio di Amministrazione di A.S. Roma ha approvato il Progetto di bilancio d'esercizio ed il bilancio consolidato relativi all'esercizio chiuso al 30 giugno 2012, che deve essere corredato della relazione del Collegio Sindacale e della Relazione contenente il giudizio della Società di Revisione, al fine di essere sottoposto all'approvazione dell'Assemblea dei soci.

La continuità aziendale


Il Regolamento del Fair Play Finanziario richiede che su tale tema, ossia la capacità di onorare gli impegni, si esprima la Società di Revisione.
Comunque, gli amministratori ribadiscono che le risorse necessarie, per far fronte alla continuità dell'attività aziendale, "saranno reperite attraverso un incremento dell'esposizione per anticipazioni su contratti in essere e con interventi degli azionisti", e pur prevedendo una perdita significativa anche per l'esercizio 2012/2013, gli Amministratori hanno considerato il Gruppo in una situazione di continuità aziendale.

Il Patrimonio Netto


Uno degli indicatori del Regolamento UEFA sul Fair Play Finanziario riguarda il Patrimonio Netto, che non deve essere negativo. Per quanto riguarda il bilancio consolidato 30 giugno 2012, il Patrimonio netto, comprensivo delle interessenze dei terzi, è negativo per 52,5 milioni di euro (44 milioni di euro nel 2010/11). La variazione negativa è stata di € 8,5 milioni ed è stata causata dalla perdita di esercizio di € 58,5 milioni, compensata in parte dal Versamento in conto futuro aumento di capitale di 50 milioni, effettuato durante l'esercizio da Neep Roma Holding SpA.

L'Indebitamento Finanziario Netto


In base al regolamento del Fair Play Finanziario, l'indebitamento finanziario netto, derivante dalla differenza tra debiti finanziari e disponibilità liquide, aumentato del saldo tra crediti e debiti da calciomercato non deve superare il totale dei ricavi.
La Posizione finanziaria netta consolidata al 30 giugno 2012, è negativa per € 54.755.000, mentre nell'esercizio precedente era negativa per € 53.831.000.La posizione risulta in peggioramento di 0,9 milioni di euro, questo significa che i debiti finanziari superano le disponibilità liquide. In effetti, le disponibilità liquide sono pari a € 22,5 milioni (€ 2,8 milioni nel 2010/11); e l'indebitamento finanziario lordo ammonta a € 77,3 milioni (€ 56,6 milioni nel 2010/11).
L'indebitamento finanziario lordo risulta così composto: 25,2 milioni di euro (€ 54,7 milioni nel 2010/11), come debito verso Unicredit Factoring, per anticipazioni sui diritti audiovisivi della stagione sportiva 2011/2012 e 2012/2013, nonché sulla sponsorizzazione tecnica; 31,2 milioni di euro, come debiti verso Unicredit S.p.A., relativi al finanziamento c.d. Term Loan erogato nel mese di agosto; 20,8 milioni di euro, come debiti verso Roma 2000, per il finanziamento nella forma di Vendor Loan.
Alla posizione finanziaria netta bisogna aggiungere il saldo tra debiti e crediti verso squadre di calcio, che, rispettivamente, sono debiti e crediti di funzionamento. Il saldo è debitorio per 38,8 milioni, mentre nell'esercizio precedent, era inferiore ed ammontava a € 8.991.000. Il peggioramento è dovuto al saldo dei "Trasferimenti estero", che è negativo per€ 36.035.000, mentre nel 2010/11 era positivo per € 4.881.000.
La posizione finanziaria netta aumentata del saldo debitorio verso squadre di calcio ammonta a 93,5 milioni e risulta inferiore ai ricavi di esercizio. Il problema dell'indebitamento sorge se lo poniamo in relazione all'EBITDA che è negativo per € 16.699.000 (positivo nel 2010/11 per €2.680.000). In altre parole, la differenza tra ricavi e costi operativi, senza considerare gli ammortamenti, non riesce a generare un margine di utile necessario a pagare l'indebitamento, di qui la necessità dell'intervento dei soci.

Il Valore della Rosa


Il valore netto dei Diritti pluriennali alle prestazioni dei calciatori ammonta a € 82.934.000 e risulta in aumento di € 45.474.000. La variazione è stata causata da investimenti per € 86,8 milioni; da cessioni per un valore contabile netto € 13,1 milioni e da ammortamenti per 28,3 milioni di euro.
Il sito "Transfermarkt" stima, attualmente, il valore della rosa dell'AS Roma in € 139.450.000 e il "pezzo pregiato" è De Rossi valutato € 34.000.000.

I Ricavi


I Ricavi consolidati, al netto dei risultati della gestione operativa del parco calciatori, sono pari a € 115.973.000 (€ 143,9 milioni nel 2010/11) e segnano un decremento del 19,4%, principalmente per la mancata partecipazione alla Uefa Champions League.
I ricavi della Roma, come la maggior parte delle squadre italiane, dipendono principalmente dai diritti TV, che risultano pari a € 64.407.000 ed incidono per il 55,5%, con un decremento di € 13.635.000.
I ricavi da sponsorizzazioni ammontano a € 11.650.000 e hanno un'incidenza del 10% con una variazione positiva del 4,5%.
I proventi pubblicitari ammontano a € 10.244.000 e incidono sul fatturato per l'8,8%.
I ricavi da gare crollano da 31 a 14,8 milioni. Essi hanno un'incidenza del 12,8%. Si pensi che la Juventus, che, nel 2011/12, al pari della Roma non ha disputato le Coppe Europee, per i ricavi da gare ha seguito il percorso inverso, infatti sono aumentati da 11,5 a 31,8 milioni, pur disponendo di uno stadio più piccolo. Questo conferma che l'andamento economico di una squadra di calcio è strettamente connesso a quello sportivo.
La Gestione operativa del parco calciatori vede il prevalere di plusvalenze per 9,1 milioni di euro (€ 4,5 milioni nel 2010/11).

I Costi


I Costi Operativi consolidati al 30 giugno 2012, sono pari a € 141,7 milioni (€ 145,7 milioni nel 2010/11) e segnano un decremento di circa il 2,7%, insufficiente rispetto al decremento dei ricavi.
Il costo del personale ammonta a € 102.818.000 ed incide per l'88% sui ricavi operativi e anche considerando le plusvalenze superare il limite del 70% stabilito dal Fair Play Finanziario. Forse questa è la spiegazione delle numerose risoluzione contrattuali durante l'ultima campagna trasferimenti.
Nell'esercizio sono stati effettuati Ammortamenti consolidati per € 29.614.000 (€ 21,9 milioni nel 2010/11), di cui 28,3 milioni di euro riferiti a diritti pluriennali alle prestazioni sportive dei calciatori. Risultano Accantonamenti, per 1,4 milioni di euro (€ 1,6 milioni nel 2010/11), per l'adeguamento dei Fondi rischi per vertenze legali, contenziosi e passività potenziali.
Ovviamente, stante la situazione debitoria, anche il peso degli oneri finanziari netti aumenta da 5,2 a 7,1 milioni.

Il Break-even result

Il bilancio consolidato 2011/12 costituisce già bilancio oggetto del primo periodo di monitoraggio ai fini del Fair Play Finanziario. In linea teorica, la perdita consolidata di € 58.474.000, da sola, supererebbe la soglia di tolleranza dei 45 milioni di euro e costringerebbe a chiudere il bilancio 2012/13 con un utile.
Ma gli ammonistratori stessi prevedono una perdita significativa anche per il 2012/13, perciò bisognerà far necessariamente ricorso all'allegato XI comma 2 del regolamento che permette di non considerare il costo dei calciatori sotto contratto al 1° giugno 2010.
 
< Prec.   Pros. >
torna su