Home arrow Focus arrow Il bilancio della stagione 2011/2012: successo di pubblico per basket e volley
Focus
Focus gli approfondimenti con ricerche, statistiche, presentazioni e dossier 
SEGUICI SU:

Seguici su YouTube Seguici su Twitter Seguici su Facebook Seguici su LinkedIn
libreria dello sport

di
anno

Il bilancio della stagione 2011/2012: successo di pubblico per basket e volley Stampa E-mail
Tutti i Focus
marted́ 24 luglio 2012
V Day 2012 V Day 2012 diretta Basket play off 2012 Basket play off 2012
È tempo di bilanci per Lega Basket e Lega Volley. Giunti alla conclusione della stagione 2011/12 dei campionati, le due Leghe "minori" tirano le somme, ed il primo aspetto da quantificare è quello relativo all'affluenza di pubblico nei palazzetti. La sfida di audience con il calcio resta un'utopia, ma la spettacolarità delle gare, la passione dei più giovani e la sicurezza garantita alle famiglie regalano grandi soddisfazioni al management dei club.

Basket: La Serie A chiude la stagione con una media di 3.919 spettatori a partita

La regular season 2011-12 più i play off si sono conclusi con oltre un milione di spettatori totali (1.171.648) per una media di 3.919 a gara. 11.948.253 € l'incasso complessivo per una media di 39.961 Euro. In testa alla graduatoria si conferma la Canadian Solar Bologna con una media di 7.608 spettatori (con un aumento dell'1% rispetto al 2010-11 quando era stata di 7.532). (fonte: LegaBasket). La Virtus è seguita dalla EA7 Emporio Armani Milano a quota 5.679, in crescita del 21.8% rispetto alla scorsa stagione dove la media era stata di 4.664. La Canadian Solar Bologna guida anche la classifica degli incassi con 121.746 € di media a gara seguita dal Banco di Sardegna Sassari con 70.040 € e dalla EA7 Emporio Armani Milano con 51.306 Euro. (fonte: LegaBasket)

Il primato stagionale di spettatori per quanto riguarda la regular season si è registrato in EA7 Emporio Armani-Montepaschi alla sesta giornata con 10.105 spettatori mentre il record d'incasso appartiene a Canadian Solar-Montepaschi con 130.634 € alla sedicesima giornata.

Nei play off il primato di affluenza con 9.329 spettatori si è registrato in Scavolini Siviglia-EA7 Emporio Armani in Gara4 di semifinale mentre il record d'incasso appartiene a Canadian Solar-Banco di Sardegna con 124.659 Euro in Gara3 dei quarti. (fonte: LegaBasket)

Quanto al pubblico televisivo, le partite di Serie A (regular season e play off) e di Coppa Italia trasmesse in replica su RaiSport1, la7 e la7d, hanno registrato un'audience media di 315.818 telespettatori, con il picco massimo per il match tra Scavolini Siviglia Pesaro e Canadian Solar Bologna con 41.000 spettatori di media. (fonte: LegaBasket)

I dati relativi ai singoli club sono visualizzabili al link http://web.legabasket.it/other/datipubblico201112.pdf

Il V-Day Sustenium. Boom di pubblico e telespettatori

Per il terzo anno consecutivo per il Volley lo Scudetto e il titolo di Campione d'Italia sono stati assegnati in una sola gara: il V-Day Sustenium, la partita-evento giunta dopo i Play Off più corti della storia del volley. Dopo gli 8.426 spettatori alla Futurshow Station di Bologna nel 2010 e i 9.250 del Palalottomatica di Roma, alla sfida finale tra Itas Diatec Trentino e Lube Banca Marche Macerata, al Mediolanum Forum di Assago erano presenti 11.200 spettatori e oltre 500 mila sono stati i telespettatori su Rai Sport che ha trasmesso in diretta per l'Italia la Finale Scudetto, con un ampio pre partita e la cerimonia della premiazione. Il match, tenutosi sul bellissimo campo tricolore della Mondo, è stato trasmesso anche in Europa da Eurosport 2, in Africa e Medio Oriente da Al Jazeera, e in tutto il mondo attraverso la diretta Web del canale internet Bwin.
Ma l'Amministratore Delegato di Lega Pallavolo Serie A Massimo Righi ci spiega: "Per il prossimo anno stiamo pensando di riportare le finali dei Play Off ad una serie lunga perché, ricordiamolo, il V-Day è nato negli ultimi tre anni per risolvere la problematica dei calendari corti, mentre per la prossima stagione il calendario ci consente di essere più tranquilli sui tempi, visto che non sono previste interruzioni a novembre per le nazionali. Ma il V-Day non verrà abolito definitivamente: saremo abbastanza elastici da utilizzare una formula o l'altra in funzione della lunghezza del calendario internazionale". Ma così verrebbe meno la possibilità di creare un "evento clou" per la stagione sportiva, con evidente risonanza mediatica? "Se la finale scudetto finisce alla quinta partita, ci sarebbe la stessa eco" ci risponde Righi. "Il V-Day garantisce l'evento culmine, la spettacolarizzazione che ormai caratterizza tutto il mondo dello sport. Ma forse è meno premiante dal punto di vista tecnico perché con la serie lunga (almeno tre su cinque) si garantisce il rispetto dei reali valori tecnici". Il successo di questa formula è fuori discussione e Righi ne va fiero: "Il nostro V-Day che è stato copiato in Brasile e in altre nazioni nel mondo, a dimostrazione che la nostra idea è vincente perché, ripeto, permette di risolvere il problema di contemporaneità dell'attività delle nazionali, creando al tempo stesso grande risonanza".

Stage Up: profilo e attitudini del pubblico di basket premiano l'investimento degli sponsor

Secondo i dati della ricerca "Sponsor Planning" realizzata da StageUp e Ipsos e presentata in anteprima al workshop "B3-Biella, Basket e Business" promosso da Pallacanestro Biella, il basket è seguito in misura differenziale da un largo pubblico giovane e istruito, con forte densità di responsabili di acquisto e importante capacità di spesa e investimento, analogamente a quello del golf. (fonte: StageUp)

Il pubblico della pallacanestro, oltre i 20 milioni di persone, pari a ben il 61% degli interessati al calcio (lo sport più seguito in Italia), si caratterizza per la giovane età, l'alto livello di istruzione e per la maggior presenza di responsabili di acquisto e di investimento rispetto al calcio e al golf.

Se il pubblico del basket è mediamente più evoluto, quello del golf ha una spiccata attitudine all'investimento in azioni e in polizze vita, preferendo l'acquisto di smartphone e tablet a quello di un pc portatile rispetto alla media della popolazione italiana. Più trasversale è invece il pubblico calcistico, affezionato in particolare all'acquisto del tablet e all'investimento in fondi pensione.

"Il pubblico di ognuno di questi tre sport – ha spiegato Giovanni Palazzi, presidente di StageUp, durante la sua relazione dal titolo "Basket, Calcio e Golf: mondi a confronto" ha caratteristiche peculiari e di pregio. Quello del basket si caratterizza, a titolo premiante, anche per la più alta preferenza per i prodotti sponsor nel momento della spesa. L'atteggiamento molto positivo del pubblico verso gli sponsor si spiega in parte con l'importante tradizione sponsorizzativa che la pallacanestro porta con sé". (fonte: StageUp)
Focus a cura di Bianca Angrisani
 
< Prec.   Pros. >
torna su