Home arrow Ultime interviste arrow Eventi e media arrow Intercampus, la Responsabilità Sociale dei Campioni d’Italia
Interviste Sport Manager ai Protagonisti dello
Sport Business italiano e del Marketing Sportivo
Abbonamento ai Feed RSS di Ultime IntervisteFeed RSS
NAVIGA NELLE CATEGORIE:
Cerca nelle interviste
I TAG DELLE INTERVISTE
SEGUICI SU:

Seguici su YouTube Seguici su Twitter Seguici su Facebook Seguici su LinkedIn
libreria dello sport

di
anno

Intercampus, la Responsabilità Sociale dei Campioni d’Italia Stampa E-mail
Aprile 2009
Intervista a Nicoletta Flutti Responsabile Comunicazione progetto Inter Campus
Nicoletta Flutti NICOLETTA FLUTTI
Responsabile Comunicazione ed Organizzazione del PROGETTO INTER CAMPUS

Presentato a Miami (Florida), nell’ ambito "Miami International Film Festival". La famiglia nerazzurra sempre più attiva sul fronte solidarietà.
Incontriamo Nicoletta Flutti, nella sede allo stadio Meazza, che ha seguito per l’Inter dal 1998 il progetto Inter Campus, assumendo dal 2006 il ruolo di responsabile comunicazione ed organizzazione. Anno dopo anno l’Inter ha realizzato un programma di intervento sociale e cooperazione in 17 nazioni nel mondo, che utilizza il calcio come strumento di promozione a beneficio di 9.000 bambini bisognosi anche con il supporto di 200 operatori locali.
Sponsornet: Dal 1996 circa 20 mila bambini vestono la maglia nerazzurra nel mondo. Più volte avete dichiarato che il vostro scopo è far crescere i futuri calciatori sempre a contatto con il proprio ambiente e vicino a familiari ed amici. Perchè ritenete questa idea tanto importante?
Nicoletta Flutti: Nel 1996 nasceva il primo progetto in Italia, ora chiamato Scuola Calcio Inter, che si prefiggeva, obiettivo mantenuto fino ad oggi, di lasciare i bambini nelle loro realtà, con gli amici di sempre, vicino alle proprie famiglie, inseriti nelle proprie scuole e di fare in modo che fosse l'Inter ad andare da loro attraverso dei corsi di aggiornamento e formazione degli allenatori del Settore Giovanile nerazzurro nelle varie sedi dei piccoli club sparsi per l'Italia. In questo modo l'approccio dell'Inter e l'attenzione per l'educazione, la crescita sana ed equilibrata dei più piccoli si rende evidente facendo allenare i bambini così come se fossero all'Inter ma senza causare traumi e infrangere sogni. Solo al compimento del 14° anno di età il Settore Giovanile svolge una selezione dei migliori giocatori avendone fatto comunque divertire 10.000 attraverso una serie di iniziative sportive ed educative.

Sponsornet: In cosa consiste il programma di responsabilità sociale INTERCAMPUS?
Nicoletta Flutti: Il programma di responsabilità sociale dell'Inter. noto come Inter Campus (all'origine distinto come Inter Campus Estero) nasce come volontà da parte del Club di esprimere l'attenzione tipica della società nerazzurra verso il mondo esterno e le esigenze dei più bisognosi, un senso di responsabilità del proprio ruolo sportivo e sociale a livello nazionale e internazionale. Inter Campus NON ha alcun fine tecnico di ricerca di talenti. Lo scouting si svolge da parte di FC internazionale in modo tradizionale e completamente scollegato da Inter Campus. A dimostrazione di ciò, la scelta fin dal principio di seguire come Inter Campus i bambini tra gli 8 e i 14 anni, prima cioè che si possa firmare un contratto professionistico, ma piuttosto durante quella che può essere considerata genericamente nel mondo la fascia della scuola dell'obbligo, poiché l'educazione scolastica è requisito fondamentale per l'implementazione del programma sociale di Inter Campus. La missione di Inter Campus, invariata fin dal principio è di restituire ai bambini più bisognosi e disagiati il diritto al gioco, utilizzando il gioco del calcio, appunto, come strumento e non come obiettivo. A seconda della problematica sociale specifica del paese e della necessità dell'associazione benefica che Inter Campus supporta, ogni progetto ha un suo secondo scopo sociale come la vaccinazione, la rimozione di traumi di guerra, l'integrazione di bambini orfani nella comunità locale, il ritorno a scuola, il riempimento del tempo libero contro le sirene del narco-traffico e della guerriglia, eccetera.

Sponsornet: Una serie di eventi e di iniziative annuali che coinvolgono ben 19 paesi del mondo vi consentono di affermare sempre più il nome dell’Internazionale F.C. e accrescono il valore dell’organizzazione: come è organizzata la struttura? E’ decentrata rispetto alla società calcistica e chi la dirige? Avete fondi propri o fate riferimento sui fondi dell’Inter F.C.?
Nicoletta Flutti: Inter Campus è un programma di intervento sociale e cooperazione all'estero a lungo termine gestito da Inter Futura Srl, società al 100% Inter creata da FC Internazionale nel 1996 dopo l'acquisizione del club da parte di Massimo Moratti.
Continua Nicoletta Flutti: Fino al 2006 Inter Futura gestiva: Inter Campus Italia, confluito ora nel Settore Giovanile come Scuola Calcio Inter, Stage Estivi Inter Campus, confluiti in Inter Brand come Scuole Calcio estive Inter, Centro Coordinamento Inter Club, confluito in FC Internazionale e dal quale arrivavano i maggiori proventi a sostegno del progetto sociale Inter Campus Estero, divenuto ora INTER CAMPUS, programma di Corporate Social Responsibility di Inter gestito, come anticipato, da Inter Futura come unico ed esclusivo oggetto dello statuto.Perciò da due anni a questa parte è possibile definire il budget annuale di Inter Campus sulla cifra di Euro 800.000, stanziate per gran parte da FC Internazionale, con il contributo di due sponsor e una serie di piccole iniziative di raccolta fondi. Tali iniziative prevedono aste, percentuali sulla vendita, donazioni supervisionate operativamente da noi, ma proposte e a carico di enti esterni, poiché, come SRL, Inter Futura non può accettare donazioni ma solo sponsorizzazioni. La cifra raccolta non transita MAI attraverso l'amministrazione di Inter Futura, ma viene inviata tramite bonifico bancario dell'ente o del privato direttamente alle associazioni senza scopo di lucro che collaborano con Inter Campus nei diversi paesi, a seconda delle esigenze.

Sponsornet: Il progetto Inter Campus è anche una straordinaria operazione di marketing strategico, come agite nella pianificazione?
Nicoletta Flutti: Anche l'eventuale strategia di marketing di creare vere e proprie scuole di calcio all'estero a pagamento e con lo scopo di formare esclusivamente a livello calcistico e di aprirsi a nuovi mercati è scollegata da Inter Campus e mira a paesi economicamente ricchi, diversi perciò da quelli coinvolti dal circuito Inter Campus. Nel caso, peraltro molto raro, che i coordinatori locali indicassero comunque l'esistenza di un talento, l'Inter supporta nel dare indicazione di una squadra locale affidabile a cui fare riferimento. Le informazioni sulle attività di ciascun settore vengono periodicamente condivise e aggiornate ma procedono su piani differenti.

Sponsornet: L’aspetto comunicativo è uno degli elementi predominanti delle attività di marketing anche per le associazioni no profit. Come la curate, quali sono gli interventi che ritenete più importanti?
Nicoletta Flutti: Solo dopo 10 anni di lavoro silenzioso e efficace la società nerazzurra ha deciso, con l'occasione del Centenario, di rendere visibile l'impegno di Inter Campus, comunicandone le attività e comunicando l'Inter stessa attraverso Inter Campus. Il documentario di Gabriele Salvatores commissionato da Inter ne rappresenta la prima forma evidente, poi promosso attraverso i Festival Internazionale del Cinema e eventi di vario tipo. Gli strumenti sono quotidianamente quelli ufficiali di Inter, attraverso il sito inter.it e intercampus.inter.it, Inter Channel, la Rivista Inter Footbal Club, la newsletter. eccetera, oltre ai media internazionali. L'Inter è attiva in Italia, soprattutto in Lombardia con varie iniziative sociali e sicuramente si sta valutando la necessità e la fattibilità di istituzionalizzare un programma anche nelle periferie italiane.
chi è

Nicoletta Flutti Responsabile Comunicazione progetto Inter Campus
 
< Prec.   Pros. >
torna su