Home arrow Ultime interviste arrow Eventi e media arrow L' analisi di un evento internazionale: i Giochi del Mediterraneo di Pescara
Interviste Sport Manager ai Protagonisti dello
Sport Business italiano e del Marketing Sportivo
Abbonamento ai Feed RSS di Ultime IntervisteFeed RSS
NAVIGA NELLE CATEGORIE:
Cerca nelle interviste
I TAG DELLE INTERVISTE
SEGUICI SU:

Seguici su YouTube Seguici su Twitter Seguici su Facebook Seguici su LinkedIn
libreria dello sport

di
anno

L' analisi di un evento internazionale: i Giochi del Mediterraneo di Pescara Stampa E-mail
Settembre 2009
Intervista a Saverio Frittella Segretario Generale Lega Basket Femminile fino al 2010
Giochi del Mediterraneo di Pescara SAVERIO FRITTELLA
membro del Comitato Organizzatore dei Giochi del Mediterraneo di Pescara e neo-Segretario Generale della Lega Basket Femminile fino al 2010

Saverio Frittella, membro del Comitato Organizzatore dei Giochi del Mediterraneo di Pescara e neo-Segretario Generale della Lega Basket Femminile, ci espone gli aspetti tecnico-organizzativi di questi Giochi del Mediterraneo da record.
Sponsornet: Come e quando è nata la candidatura della città di Pescara come teatro dei Giochi del Mediterraneo 2009?
Saverio Frittella: La candidatura è nata nel 2003. Noi in quanto comitato siamo arrivati da un anno e mezzo per risollevare una situazione non proprio rosea. Quell'anno Pescara se la giocava con altre città italiane come Napoli, Genova e Venezia; successivamente ha vinto al ballottaggio contro Patrasso e nei primi del 2004 è stata poi assegnata ufficialmente la candidatura. In Pescara ci si è creduto soprattutto perché rappresenta una nuova città dell'Europa, giovane, che affaccia sul mare e che è n fase di rilancio. Ho fatto parte della direzione generale che ha curato gli aspetti tecnico-organizzativi dell'evento, cioè della sezione operativa chiamata ad operare dal dicembre 2007. Negli anni precedenti altri comitati non avevano raggiunto risultati positivi.

Sponsornet: Quali tipi di fondi sono stati utilizzati e come avete interagito con le istituzioni locali e nazionali?
Saverio Frittella: Il comitato organizzatore ha vissuto soprattutto di fondi pubblici e governativi. Più del 96% del budget sono stati fondi governativi. La restante percentuale è provenuta dagli sponsor privati e dalla biglietteria. La regione Abruzzo ha contribuito con una cifra abbastanza sostanziosa per la ristrutturazione di alcuni impianti.

Sponsornet: Per i Giochi appena chiusi sono stati utilizzati diversi impianti sportivi locali: quali e come sono stati rinnovati? Vi siete affidati a progettisti ed imprese italiane e quali?
Saverio Frittella: Hanno lavorato per gli impianti tutte imprese italiane e abruzzesi. La ristrutturazione dello stadio di Pescara, dove si è svolta la cerimonia di apertura e dell'atletica, ha avuto un costo di 14 milioni di euro. Altri 2 milioni di euro sono serviti per la ristrutturazione delle piscine per il nuoto e la pallanuoto. Le gare d'appalto sono state realizzate dai rispettivi comuni e non dal comitato. Nei restanti 20 impianti sono stati fatti soprattutto lavori di adeguamento alle nuove leggi sulla sicurezza e sulle competizioni internazionali. La costruzione del Villaggio olimpico tra Chieti e Pescara è stata effettuata anch'essa da privati. E ha ospitato 4300 persone al giorno. Una parte poi diverrà Casa dello studente e un'altra parte verrà venduta alla Regione.
Sponsornet: A conclusione dei giochi quali numeri hanno caratterizzato questa edizione in termini di atleti, visitatori, spettatori, valore biglietti etc?
Saverio Frittella: Per numero di atleti è stato raggiunto il record nella storia dei Giochi: 6000 tra tecnici, atleti e accompagnatori. I motivi per i quali i numeri sono cresciuti sono soprattutto la presenza di 2 discipline in più rispetto al 2005, del Montenegro. E perché Pescara in fase di candidatura grazie al comitato promotore aveva offerto l'alloggio gratuito al villaggio. I giornalisti accreditati sono stati 1094. Un'altra nota positiva è stato il fatto di aver avuto “il pienone” di pubblico in tutti gli impianti sportivi. Abbiamo avuto 2 record mondiali nel nuoto, che i Giochi non avevano mai avuto. La nostra politica è stata quella di dare sempre più spazio agli spettatori garantendo con ingresso gratuito tranne nelle finali e semifinali di sport di squadra e le finali delle gare singole di nuoto e ginnastica.

Sponsornet: Vi siete rivolti ad un'agenzia di sponsoring per la ricerca sponsor? Quanto questi hanno contribuito al budget totale?
Saverio Frittella: Se n'è occupato l'ufficio marketing del comitato organizzatore: oltre al reperimento dei partner si è occupato di tutti gli aspetti relativi al posizionamento del marchio, alla mascotte, alla gestione delle sponsorizzazioni, al merchandising, al ticketing. Il comitato ha avuto un bilancio complessivo di circa 70 milioni di euro. Le sponsorizzazioni hanno rappresentato circa il 2-3 %. Abbiamo avuto grossi brand come Telecom Italia e San Carlo.

Sponsornet: Cosa avete prodotto o state pensando di produrre come strumento di comunicazione a memoria visiva dell'evento?
Saverio Frittella: Si. La nostra area marketing sta elaborando un report con tutti i dati relativi all'audience sia web che televisiva.

Sponsornet: Cosa lasciano in eredità all'Abruzzo questi Giochi?
Saverio Frittella: Adesso nella zona compresa tra Pescara e Chieti c'è un numero elevatissimo di impianti a norma, ristrutturati e pronti per poter ospitare qualsiasi tipo di manifestazione internazionale. Questa è la dote che ha lasciato principalmente l'evento di quest'anno alla regione Abruzzo. Abbiamo utilizzato 30 impianti sportivi più altri 10 per gli allenamenti. Per i prossimi anni società sportive e comuni potranno sfruttarli nel migliore modo possibile.
chi è

Saverio Frittella, membro del Comitato Organizzatore dei Giochi del Mediterraneo di Pescara e neo-Segretario Generale della Lega Basket Femminile
 
< Prec.   Pros. >
torna su