Home arrow Ultime interviste arrow Gli sponsor arrow Scavolini: ricreiamo l'entusiasmo per il basket
Interviste Sport Manager ai Protagonisti dello
Sport Business italiano e del Marketing Sportivo
Abbonamento ai Feed RSS di Ultime IntervisteFeed RSS
NAVIGA NELLE CATEGORIE:
Cerca nelle interviste
I TAG DELLE INTERVISTE
SEGUICI SU:

Seguici su YouTube Seguici su Twitter Seguici su Facebook Seguici su LinkedIn
libreria dello sport

di
anno

Scavolini: ricreiamo l'entusiasmo per il basket Stampa E-mail
Dicembre 2013
Intervista a Valter Scavolini Presidente onorario U.S. Victoria Libertas Pesaro Basket
Valter Scavolini Valter Scavolini
Presidente onorario U.S. Victoria Libertas Pesaro Basket

"Bisognerebbe ricreare un nucleo di giocatori che si identificano in una città, nel colore di una maglia. Ricreare quell'entusiasmo degli anni d'oro del basket e puntare sul settore giovanile"
leggi chi è
Trentasei anni nel basket come sponsor, ma anche come proprietario e presidente, accompagnati dalla crescita di un'azienda importante del made in Italy. Scavolini costituisce, per la sua longevità, un caso unico nel panorama delle sponsorizzazioni sportive: il basket, a Pesaro e dintorni, è indissolubilmente legato al suo marchio. Ma Valter Scavolini, l'instancabile ideatore di questa mitica storia, ci suggerisce la sua strada per riportare il basket ad una migliore gestione e maggiore popolarità.
Quando si è avvicinato allo sport e quale la sua esperienza, ad oggi, in questo settore?

Valter Scavolini: Il mio legame con lo sport nasce nel 1975. Per i primi anni il mio contributo è stato prettamente sul versante della sponsorizzazione, per poi diventare co-proprietario. Dall’82 sono diventato proprietario al 100% e per qualche anno ho coperto la carica di Presidente, vincendo, in tale veste, 2 scudetti.

torna alle domande
Come ha vissuto e quali le sue impressioni rispetto al passaggio dal dilettantismo al professionismo con la legge Bosman, che ha regolato giuridicamente i rapporti di lavoro tra società e atleti?

Valter Scavolini: La legge del ‘95, con l’inquadramento dei giocatori come dipendenti, ha portato un aumento generale dei costi e non solo. Venendo meno il diritto sul cartellino, si perde anche quel rapporto diretto e di continuità con gli atleti. Non esiste più l’identificazione con la squadra, con la città, con i suoi colori, come poteva accadere ai tempi di Costa, Magnifico ed altri, quando vestivano la casacca bianco rossa; anche il pubblico perde di conseguenza quel nucleo forte nel tempo, lo zoccolo duro che fa crescere la fedeltà nel tifoso e non trova più quegli elementi di identificazione, che contribuiscono a farlo sentire parte integrante.

torna alle domande
mascotte Scavolini Come ritiene si possa superare l’empasse nel collocare gli atleti allo stesso tempo al rango di professionisti, ma considerati economicamente come dipendenti?

Valter Scavolini: Io ritengo che il sistema dovrebbe cambiare, altrimenti le società non riusciranno a supportare il peso economico. Bisognerebbe ritornare ad usare molto di più i giocatori italiani e ad avere in squadra un paio di stranieri, bisognerebbe ricreare un nucleo di giocatori che si identifichino in una città, nel colore di una maglia, nel nome di uno sponsor. Bisogna ricreare quell’entusiasmo degli anni d’oro del basket e puntare sul settore giovanile che, per quanto renderebbe le società meno competitive a livello europeo, risulterebbe uno strumento utile per abbattere i costi, favorendo comunque la competitività sul mercato nazionale. Per competere in Europa bisogna tenere i costi dei giocatori più bassi, con un inquadramento equiparato a quello degli altri paesi, come la Russia e la Turchia. Bisogna ripartire dal vivaio, però ridimensionando le pretese delle giovani promesse. Questo vale per il basket e per la pallavolo.

torna alle domande
Valter Scavolini Ritiene che gli investimenti, fatti nel tempo, abbiano creato anche un ritorno positivo per l’attività imprenditoriale sia a livello di immagine che di fatturato?

Valter Scavolini: L’impostazione sul lungo periodo dà i suoi risultati. Il nostro marchio è legato al basket da 36 anni, beneficiando di un buon ritorno d’immagine soprattutto nei periodi in cui la squadra si è mantenuta ai vertici.

torna alle domande
Sponsor Scavolini Alla base di questa scelta c’è una forte passione per lo sport, per la squadra, per la città. Ritiene che tale scelta potrà essere condivisa e portata avanti anche dalle generazioni future?

Valter Scavolini: Il territorio ha un tessuto industriale importante; nel tempo si sono affiancati a noi nuovi sponsor, come Siviglia e IFI, ma la continuità può sussistere nel momento in cui si ridimensionano i costi, altrimenti, oltre la passione, il ritorno non vale l’investimento.

torna alle domande
Tifosi squadra Pesaro Per quanto riguarda gli impianti, potete fregiarvi di un palazzetto, l’Adriatic Arena, polivalente e con una grande capienza. In un momento storico in cui si parla molto di stadi avete in progetto investimenti, per creare ex novo nuove strutture o ampliamenti delle vecchie?

Valter Scavolini: Il palazzetto, inaugurato nel 1996, è una struttura avveniristica e polifunzionale: ha una capienza di oltre 10.000 posti a sedere e si offre come location ideale per le partite casalinghe del Basket Pesaro. Per il volley, che anche ci ha portato belle soddisfazioni e diversi scudetti, viene utilizzato un vecchio palace, di dimensioni più ridotte, sul quale esistono progetti di ristrutturazione, per la messa in sicurezza e che, se realizzati, vedrebbero tale struttura diventare la "Casa del volley".

torna alle domande


Intervista a cura di Cristiana Trezza

chi È

Valter Scavolini è nato nel 1942.
Ha quattro figli: Gian Marco e Fabiana membri del Consiglio di Amministrazione della Scavolini S.p.A. con la carica di Vice-Presidenti; Barbara laureata in Fisica ed Andrea laureato in Ingegneria Gestionale.
Dopo aver dato vita nel 1961, assieme al fratello Elvino, ad un’azienda artigiana operante nel settore della costruzione di mobili per cucina, ha fondato nel ‘67 il "Mobilificio F.lli Scavolini snc" e nel ‘79 si è trasformato nell’attuale "Scavolini S.p.A.".
Successivamente Valter Scavolini ha intrapreso la strada della diversificazione dell’offerta: nel gennaio ‘96 è stata acquisita un’Azienda di cucine che, con il lancio del nuovo marchio Ernestomeda, si posiziona nella fascia medio-alta/alta con un prodotto di "marca" a prezzo altamente competitivo. Valter Scavolini ha legato dal ‘75 il nome dell’Azienda alla squadra di basket cittadina e dalla stagione 2003/2004 abbina il suo marchio anche a quello della locale squadra di pallavolo femminile.
Valter Scavolini, con il fratello Elvino, è stato anche promotore della Fondazione Scavolini, costituita nel ‘84, il cui scopo è incrementare e promuovere la ricerca nel campo delle scienze storiche, letterarie, economiche, della progettazione industriale, nonché favorire iniziative nei campi dell’istruzione, della ricreazione e dell’assistenza sociale.
Nel ‘93 è stato insignito dal Presidente della Repubblica Italiana della prestigiosa onorificenza di "Cavaliere del Lavoro".
Attualmente riveste le seguenti cariche: Presidente del C. di A. ed Amministratore delegato della Scavolini S.p.A.; Presidente del C.
di A. ed Amministratore delegato della Ernestomeda S.p.A.; Componente del C. di A. della Fondazione Scavolini: Membro della Giunta dell’Associazione Industriali di Pesaro-Urbino; Membro del Consiglio Direttivo di Assindustria e del Gruppo Mobili all’interno dell’Associazione Industriali di Pesaro-Urbino; Membro del Consiglio Direttivo Assarredo; Membro del Consiglio Gruppo Cucina (Assarredo); Membro del Consiglio della Fondazione della Cassa di Risparmio di Pesaro.
 
< Prec.   Pros. >
torna su