Home arrow Ultime interviste arrow I club arrow Volley rosa: veicolo per i brand e lo sviluppo sociale
Interviste Sport Manager ai Protagonisti dello
Sport Business italiano e del Marketing Sportivo
Abbonamento ai Feed RSS di Ultime IntervisteFeed RSS
NAVIGA NELLE CATEGORIE:
Cerca nelle interviste
I TAG DELLE INTERVISTE
SEGUICI SU:

Seguici su YouTube Seguici su Twitter Seguici su Facebook Seguici su LinkedIn
libreria dello sport

di
anno

Volley rosa: veicolo per i brand e lo sviluppo sociale Stampa E-mail
Giugno 2014
Intervista a Vincenzo Cerciello Pres. Rebecchi-Nord Meccanica Volley Piacenza
Vincenzo Cerciello Vincenzo Cerciello
Presidente Rebecchi-Nord Meccanica Volley Piacenza

"Ciò che ci ha spinto nel volley è che si tratta di uno sport per famiglie... Il nostro investimento è finalizzato a sviluppare branding, lavoriamo cioè per conferire maggior valore al marchio Nord Meccanica, sia a livello nazionale che internazionale. Inoltre anche avere una società sana, che investe nel sociale tramite lo sport, ci aiuta"
leggi CHI È
L'esperienza che ci racconta Vincenzo Cerciello, presidente del club piacentino di volley femminile Rebecchi-Nord Meccanica, ci ricorda alcune delle varie opportunità che offre a chi investe nello sport. Da un lato, consente ad un'azienda radicata in un determinato luogo, di utilizzare l'investimento come volano per interagire col territorio e, dall'altro permette, anche se si sceglie la pallavolo rosa, dai numeri molto diversi dal calcio, di darsi un importate elemento distintivo d'immagine, che torna utile anche se si opera nel b2b e su mercati soprattutto internazionali. Non a caso l'azienda Nord Meccanica, che Vincenzo guida al fianco del padre Antonio e del fratello Alfredo, ha utilizzato quest'opportunità nella città di Piacenza. La famiglia Cerciello, da sponsor della squadra maschile, è diventata prima co-title sponsor della squadra di volley femminile affiancando la famiglia Rebecchi, per poi divenirne da quest'anno proprietaria, conferendo maggior valore al marchio. Il modello di governance scelto dall'azienda leader mondiale nelle macchine per imballaggio flessibile, è di piena sinergia con la propria azienda e con i loro stessi partner, sia in termini di gestione delle risorse umane che di valorizzazione del proprio network economico. Prova ne è il sodalizio con Giovanni Rebecchi, che ha passato loro il testimone di guida del club, nato perché già partner d'affari.
Nord Meccanica è un'azienda di Piacenza a gestione familiare ma con un respiro internazionale

Vincenzo Cerciello: La nostra è un'azienda familiare, ma siamo presenti in 87 paesi del mondo, in cui realizziamo macchinari per l'imballaggio flessibile, utilizzato per confezionare i prodotti alimentari.

torna alle domande
Con la vostra esperienza, iniziata già con la sponsorizzazione della squadra di volley maschile, siamo di fronte a due lati della governance di una società sportiva professionistica, visto che prima ancora di diventare proprietari del club, rappresentate lo sponsor il cui brand dà il nome al club. Con il subentro in società avete aggiunto anche la competenza gestionale: qual è il miglior modello di governance per un club?

Vincenzo Cerciello: Abbiamo iniziato con delle sponsorizzazioni, dopodiché ci siamo trovati immersi nella gestione completa della Rebecchi Nordmeccanica Volley Piacenza, che affrontiamo con la famiglia Rebecchi, che l'ha fondata e con la quale siamo sempre stati in buoni rapporti. Appena entrati nel mondo del volley, abbiamo creato una struttura con veri professionisti e fatto una corretta analisi dei costi, calcolando quanto denaro occorreva e capendo dove cercare le coperture finanziarie, il tutto prima che iniziasse il campionato. Proprio perché abbiamo sempre rispettato e onorato tutti i contratti, ci considerano tra le società di volley più serie.

torna alle domande
Quanto occorre per formare una squadra competitiva della nostra serie A femminile di volley, fino a poterlo vincere? Di questo budget, quanto viene dagli sponsor?

Vincenzo Cerciello: Per una squadra che possa puntare a vincere lo scudetto, occorrono tra i 2 e i 3 milioni di euro. Di questi circa il 60% viene recuperato grazie agli sponsor.

torna alle domande
Sappiamo che per molte aziende sponsor la visibilità non è più il fattore trainante nella scelta dell'investimento sponsorizzativo: per i vostri sponsor organizzate momenti b2b?

Vincenzo Cerciello: Abbiamo diversi partner internazionali, ma annoveriamo anche un'importante presenza di aziende cittadine che, grazie ad un rapporto di amicizia e conoscenza più che di affari, abbiamo trascinato nel mondo della pallavolo. Per loro organizziamo eventi durante tutto l'anno, cercando di creare un network, proprio grazie allo sport.

torna alle domande
La struttura marketing a cui vi affidate è propria del club o è parte integrante dell'azienda?

Vincenzo Cerciello: La struttura marketing della società di pallavolo è collegata a quella dell'azienda, e insieme cerchiamo di creare un modello vincente. Ciò che ci ha spinto ad investire nel volley è che si tratta di uno sport per famiglie, alla portata di tutti e ciò crea entusiasmo. Una cosa che a me piace molto è quando a fine partita i tifosi incontrano la squadra.

torna alle domande
Team Nord Meccanica Come Nord Meccanica avete degli indicatori per calcolare la vostra presenza sponsorizzativa?

Vincenzo Cerciello: Il nostro investimento è finalizzato a sviluppare branding, lavoriamo cioè per conferire maggior valore al marchio Nord Meccanica, sia a livello nazionale che internazionale. Inoltre anche avere una società sana, che investe nel sociale tramite lo sport, ci aiuta. È importante presentare ai clienti una società che dia affidabilità su tutti i punti di vista.

torna alle domande
A quanto ammonta il vostro investimento in comunicazione?

Vincenzo Cerciello: Investiamo circa un milione di euro l'anno nella comunicazione, sponsorizzazioni a parte. Spesso facciamo eventi e fiere in vari paesi del mondo, visto che la nostra un'azienda esporta il 95% all'estero. Facciamo anche operazioni di marketing mirate localmente proprio perché crediamo che dia molto valore alla nostra azienda.

torna alle domande
Alcuni club stanno sperimentando nuovi modelli di gestione. Lei cosa ne pensa?

Vincenzo Cerciello: Qualunque modello ha i suoi aspetti positivi e negativi. Dipende tutto da come le società impostano e gestiscono il progetto, e soprattutto dalla loro serietà.

torna alle domande
Azienda Nord Meccanica Laddove si verificano club costretti a chiudere, ovvero ad interrompere il progetto sportivo, che è anche sociale, c'è probabilmente l'esaurirsi di un modello proprietario non più adatto, la Lega potrebbe proporre soluzioni alternative, ma spesso non accade

Vincenzo Cerciello: La Lega dovrebbe dare degli indirizzi in modo da mantenere il sistema più sano possibile. È inutile fare campionati con tante squadre se poi non tutte sono serie. Non si può fingere di non vedere ciò che accade nel mercato italiano. Bisogna prenderne atto e adeguarsi. È meglio fare un campionato con meno squadre ma serie, piuttosto che riempirlo di società che hanno grosse difficoltà a terminare lo stesso campionato, causando grossi cambi del calendario. A questo proposito, stiamo discutendo con altre società per cercare le soluzioni migliori.

torna alle domande
Su questo, in verità, la Lega insiste nel definire le regole di accesso più rigide, ma noi di SponsorNet riteniamo che non possa farne solo una questione di regolamentazione e di norme. Sul fronte dello sviluppo del marketing si è affidata da un paio di anni all'agenzia milanese Master Group, auspicando di raccogliere maggiori risorse anche dalla raccolta sponsor

Vincenzo Cerciello: Ne ha bisogno. È importante che la nostra lega sia sponsorizzata per programmare i vari eventi, che finora sono stati organizzati bene ma non hanno portato l'attenzione di nuove aziende come possibili sponsor. Poi, certo, tocca alle singole società fare il lavoro sul territorio nel creare il senso di appartenenza con la squadra e quindi il giusto seguito al nostro campionato.

torna alle domande

Intervista a cura di Cristiana Trezza

chi È

Vincenzo Cerciello Vincenzo Cerciello.
Nato a Napoli il 8 novenbre 1975, ha frequentato le scuole medie e il liceo classico presso l'Istituto dei Gesuiti a Napoli.
Laureato in Ingegneria meccanica presso la Università Federico II di Napoli.
Da luglio 2002 inizia a lavorare nell'azienda di famiglia dove attualmente ricopre la carica di direttore tecnico e di tecnologia del gruppo, oltre ad essere il presidente della filiale (Nordmeccanica NA) che gestisce il mercato di Canada, Usa e Messico.
Il suo impegno nello sport, inizia con il CopraVolley (squadra del volley maschile di Piacenza, con la denominazione Copra-Nordmeccanica) dove per due anni ne è vicepresidente (in uno dei quali vince lo scudetto).
Dalla stagione 2010/2011 Nordmeccanica entra nel volley femminile di Piacenza, affiancando la famiglia Rebecchi. Nella stagione 2011/12 riveste la carica di vicepresidente e dalla stagione successiva 2012/13, conclusa con lo scudetto, ne diventa presidente.
 
< Prec.   Pros. >
torna su