Home arrow Ultime interviste arrow Le aziende arrow Attrezzature sportive: il successo italiano nel mondo
Interviste Sport Manager ai Protagonisti dello
Sport Business italiano e del Marketing Sportivo
Abbonamento ai Feed RSS di Ultime IntervisteFeed RSS
NAVIGA NELLE CATEGORIE:
Cerca nelle interviste
I TAG DELLE INTERVISTE
SEGUICI SU:

Seguici su YouTube Seguici su Twitter Seguici su Facebook Seguici su LinkedIn
libreria dello sport

di
anno

Attrezzature sportive: il successo italiano nel mondo Stampa E-mail
Aprile 2014
Intervista a Simone Pradal Resp. Marketing Sport System
Simone Pradal Simone Pradal, Responsabile Marketing Sport System

"Nel 1997 abbiamo ottenuto l’omologazione dei nostri impianti di basket che possono essere appunto utilizzati nelle massime competizioni internazionali. Questo investimento sul prodotto si è tradotto in un importante biglietto da visita che ci ha aperto molti mercati"
leggi CHI È | AZIENDA
Non sono numerose le aziende in Italia impegnate nella produzione di attrezzature sportive, molte nel triveneto, da noi qualcuna già incontrata. La loro dimensione generalmente non supera i dieci milioni di fatturato, ma quasi sempre realizzano prodotti di elevata qualità tecnica da imporsi sui mercati internazionali. Caratteristica, questa, che li accomuna alle aziende dell’impiantistica sportiva (dalle dimensioni, però, più elevate). Entrambi ancora dipendenti in Italia da una committenza pubblica. Sempre che, l’ormai mitica legge sugli stadi, metta al centro dei giochi i soggetti privati.
Abbiamo la conferma di questo mercato dalle parole del giovane Simone Pradal Responsabile Marketing ed estero della Sport System, azienda trevigiana fondata dal padre Tino.
Pradal, facciamo una premessa sull’azienda e sulla sua dimensione

Simone Pradal: Sport System è una tipica azienda a conduzione familiare fondata nel 1979 e presente nel mercato mondiale dell’attrezzatura sportiva quale produttrice di attrezzi ed arredi sportivi per la ginnastica, l’atletica, gli sport individuali e di squadra. Nel corso degli ultimi 10 anni abbiamo completato un processo di esternalizzazione delle principali attività produttive a carattere di mera carpenteria e verniciatura (inizialmente gestite internamente) ora eseguite da alcune officine meccaniche che lavorano secondo nostri progetti e disegni e sulla base di precisi contratti di esclusiva.

torna alle domande
Cosa resta all’interno

Simone Pradal: Internamente viene gestito invece l’assemblaggio delle attrezzature e coordinato l’aspetto fondamentale della logistica. Grazie a questa riorganizzazione strutturale abbiamo raggiunto una discreta flessibilità che ci permette da un lato di assorbire più facilmente la ciclicità della domanda con i suoi tipici periodi di esplosione e flessione; dall’altro lato siamo in grado di rispondere con tempestività a qualsiasi richiesta urgente ed organizzare esportazioni importanti anche nell’arco di una settimana. A lavorare all’interno dell’azienda siamo 10 persone, mentre gli addetti che lavorano direttamente per noi sono circa 30.

torna alle domande
Sport System Quali sono i vostri prodotti di punta e come incidono sul vostro volume d’affari?

Simone Pradal: Da oltre 25 anni produciamo un’articolata gamma di impianti basket mobili su ruote. I modelli di punta sono attualmente utilizzati nei campi internazionali più prestigiosi o nelle competizioni internazionali più importanti. Dal 1997 siamo partner del FIBA Research & Study Centre ovvero l’organo tecnico della Federazione Internazionale del Basket. Tale organo ha il potere propositivo e decisionale in merito alle modifiche strutturali eventualmente da apportare sulle attrezzature destinate al gioco del basket generalmente al fine di migliorare gli standard di sicurezza per gli utilizzatori. Sempre nel 1997 abbiamo ottenuto l’omologazione dei nostri impianti di basket che possono essere appunto utilizzati nelle massime competizioni internazionali. Questo investimento sul prodotto si è tradotto in un importante biglietto da visita che ci ha aperto molti mercati e molte fruttuose collaborazioni.

torna alle domande
Quindi il basket è il principale mercato di riferimento

Simone Pradal: Nell’ottica della differenziazione (non solo dei mercati intesi come paesi ma anche dei prodotti) siamo sempre più presenti anche nel mondo del calcio soprattutto dopo aver sviluppato oramai da quasi 10 anni una costruttiva collaborazione con la ditta Lino Sonego ed aver sviluppato con quest’ultima una linea di panchine VIP per riserve ed allenatori. Tali panchine testimoniano oggi l’essenza dell’estetica e del gusto italiano in importanti stadi internazionali, soprattutto nei ricchi ed esigenti Emirati oltre che in vere e proprie “mecche” europee del calcio. Indicativamente possiamo dire che la vendita di queste due famiglie di prodotti (impianti basket omologati e panchine VIP) pesa per circa un 30% sul volume d’affari mentre non quantificabile è l’importanza che tali prodotti rappresentano in termini di referenze per il ns brand!

torna alle domande
Chi sono ad oggi i vostri referenti di mercato sia in Italia che all’estero?

Simone Pradal: In Italia lavoriamo ancora e soprattutto con la pubblica amministrazione: comuni, province e regioni; con rivenditori di attrezzature sportive e negozianti; con imprese di costruzione e direttamente con alcune società sportive. All’estero invece ci interfacciamo esclusivamente con grossisti, importatori, installatori di attrezzature sportive. In alcuni casi i nostri dealer possono avere anche punti vendita al dettaglio, mentre in altri casi vendiamo i nostri prodotti ad aziende che potrebbero in un certo senso essere nostre competitor, ovvero produttori locali di attrezzature sportive che intendono magari completare la propria offerta con i nostri prodotti omologati. Generalmente all’estero cerchiamo comunque un partner stabile con in quale investire del tempo in modo costruttivo.

torna alle domande
In Italia le aziende come la vostra non hanno molti competitors. Quanti siete?

Simone Pradal: Diciamo che di competitors potremmo esserne circa sei o sette. Ogni azienda però ha cercato di trovare la propria specializzazione e di differenziarsi in qualche modo dalle altre anche se poi magari i cataloghi sono più o meno tutti uguali e potremmo essere tutti in grado di partecipare alle medesime gare d’appalto. Questa diversificazione ha mitigato il clima di diffidenza e rivalità che si respirava anni addietro tant’è che con molti dei ns concorrenti abbiamo addirittura instaurato delle forme di collaborazione. Ad ogni modo Sport System è proiettata oramai sul mercato estero dove altri sono i competitors con i quali ci dobbiamo relazionare.

torna alle domande
Sport System Qual è il livello del vostro fatturato e quanto incide l’estero su di esso?

Simone Pradal: Ci siamo attestati intorno ai 5 milioni di euro. La nostra è un’impresa abbastanza piccola, a carattere familiare, come molte imprese locali del nord est, ma in termini di fatturato possiamo rapportarci a competitor internazionali dimensionalmente più importanti. Ad ogni modo l’importante per noi è essere riusciti a mantenere, nonostante la crisi manifestatasi negli ultimi anni in molti paesi, un trend positivo, grazie anche al lavoro svolto in alcuni paesi cosiddetti emergenti, quali l’Azerbaijan, la Georgia e il Kazakistan. Al momento il mercato estero incide sul fatturato per un 60%, ma è un valore destinato a salire visto che comunque nel ns paese mancano le disponibilità economiche per costruire nuove strutture o rinnovare quelle più datate.

torna alle domande
In relazione alla normativa voi dovreste avere come referente più i club che non la pubblica amministrazione, con un movimento di circa 6-7 miliardi di euro. Cosa ne pensa?

Simone Pradal: La cosa importante è che ci siano dei nuovi fattori propulsivi che possano incrementare la domanda, perché abbiamo vissuto in Italia una contrazione notevole negli ultimi anni. Probabilmente ci sarà un incremento di questo tipo di interlocutori che al momento rappresentano per noi solo una piccola parte della domanda. Ad ogni modo saremo sicuramente pronti a gestire anche questa variabile con la sola accortezza di valutare adeguatamente le condizioni di fornitura e soprattutto di pagamento.

torna alle domande
Essendo abbastanza poche e specializzate avete l’esigenza di comunicare? E quanto del fatturato destinate alla comunicazione?

Simone Pradal: Abbiamo sempre dato importanza alla comunicazione, investendo indicativamente il 5% del fatturato, valutando nuove forme e soprattutto nuovi media. Dalle prime inserzioni su riviste nazionali abbiamo successivamente investito su riviste internazionali generalmente rivolte a gestori di strutture sportive. Notevole è stato l’investimento sulla piattaforma Internet con un costante aggiornamento del nostro sito che si presenta non solo come una vetrina espositiva ma piuttosto come un importante strumento di diffusione di informazioni sull’azienda, sui prodotti, sui progetti in corso, sulle referenze … con area per il download di documenti commerciale ed una sezione ricca di video promozionali o video-guide sull’installazione e l’uso dei prodotti.

torna alle domande
Siete presenti anche nelle fiere internazionali?

Simone Pradal: Abbiamo investito sulla promozione del nostro marchio in importanti manifestazioni internazionali tra le quali alcune partite della nazionale italiana di calcio. Però, che dir si voglia, l’investimento migliore è sempre quello rappresentato dalla partecipazione alle fiere internazionali del settore.

torna alle domande
Sport System Riguardo le sponsorizzazioni, siete presenti sia a livello locale che all’estero?

Simone Pradal: Siamo stati sponsor di maglia della nazionale croata femminile ai mondiali di pallavolo in Giappone, tanto perché la Croazia è un nostro importante mercato, quanto perché tale iniziativa ci ha permesso di avere una certa visibilità anche in Giappone, nuovo mercato al quale ci siamo rivolti negli ultimi anni. A corredo di tale investimento abbiamo cercato di dare risalto a questa iniziativa soprattutto sui media locali, su alcune riviste di categoria, su riviste nazionali ed internazionali del settore ed ovviamente sul ns sito internet.

torna alle domande
Vi affiancate a clubs italiani?

Simone Pradal: A livello locale sosteniamo la società di volley Spes Conegliano, che milita nella massima categoria nazionale femminile ed alcune società di basket tra le quali il San Vendemiano: società dinamica che investe molte energie soprattutto nello sviluppo del proprio settore giovanile. Operando comunque nel mondo dello sport ci troviamo a ricevere frequentemente richieste di aiuto da parte delle più svariate società o associazioni sportive e, anche se non abbiamo alcun ritorno economico diretto, cerchiamo in qualche modo di sostenere lo sport soprattutto quando l’iniziativa è rivolta ai più piccoli.

torna alle domande

Intervista curata da Cristiana Trezza

chi è

Simone Pradal nato a nel 1978. Nel 1997 si diploma in Ragioneria.
Nel 2001 consegue la Laurea in Commercio Estero presso l’Università Cà Foscari di Venezia (con esperienza di Internship della durata di mesi 3 presso ICE Los Angeles).
Nel 2003 Executive Master Certificate Program organizzato da CIMBA presso University of Kansas. Rappresenta in Sport System la seconda generazione al fianco del fondatore Pradal Tino.
Praticamente cresciuto nella realtà aziendale dapprima con impiego estivo nel reparto produttivo e come addetto ai montaggi in cantiere; quindi responsabile della realizzazione del sistema qualità aziendale e successivamente impiegato presso l’ufficio commerciale. Da oltre 10 anni è responsabile dell’ufficio estero di Sport System con responsabilità di coordinamento dell’operato dei dealer internazionali oltre ad avere la responsabilità della gestione delle politiche di marketing.
Dal 2010 membro del Decisional Board del "FIBA Research & Study Centre" quale rappresentante della categoria "Basketball Backstop Unit".
azienda

Dal 1979 Sport System progetta, produce, installa e commercializza, in Italia e nel resto del mondo attrezzature ed articoli per la ginnastica, l’atletica, gli sport individuali e di squadra. La qualità dei materiali utilizzati, il design degli articoli prodotti, il rispetto delle norme di sicurezza e dei regolamenti tecnici di ogni singolo sport garantiscono la massima soddisfazione tanto delle richieste del cliente istituzionale quanto dell’atleta professionista. L’ampia offerta di Sport System comprende una linea articolata di arredi ed accessori per i vari locali annessi al campo di gioco, offrendo così ai propri interlocutori la possibilità di arredare qualsiasi struttura sportiva nella sua interezza.
Da sempre specializzata nella produzione di innovativi impianti basket omologati per competizioni internazionali, forte di oltre 30 anni di esperienza pratica e progettuale, Sport System è partner del "Fiba Research & Study Centre" dal ‘97 e fornitrice ufficiale delle più prestigiose squadre di basket italiane ed estere.
Il marchio è però conosciuto anche nel mondo del calcio per il quale l’offerta di Sport System comprende una linea VIP di panchine per riserve ed allenatori con poltrone in ecopelle personalizzate e marchiate "Sport System by Lino Sonego".
 
< Prec.   Pros. >
torna su