Home arrow Ultime interviste arrow Le aziende arrow Il golf, importante sport per il business
Interviste Sport Manager ai Protagonisti dello
Sport Business italiano e del Marketing Sportivo
Abbonamento ai Feed RSS di Ultime IntervisteFeed RSS
NAVIGA NELLE CATEGORIE:
Cerca nelle interviste
I TAG DELLE INTERVISTE
SEGUICI SU:

Seguici su YouTube Seguici su Twitter Seguici su Facebook Seguici su LinkedIn
libreria dello sport

di
anno

Il golf, importante sport per il business Stampa E-mail
Giugno 2010
Intervista a Cristiano Carrera Presidente di Tutto Golf Events
Cristiano Carrera CRISTIANO CARRERA Presidente di
TuttoGolf Events

“Basterebbe prendere una località servita da un aeroporto e costruirci intorno quattro campi da 18, ovvero un campo da 60 ettari. Il flusso che si creerebbe dai paesi nordici come la Svezia sarebbe esorbitante”
Negli Stati Uniti il golf è uno sport popolare che fattura 4 miliardi di euro, da noi si fa ancora fatica a considerarlo uno sport. Eppure il golf si dimostra un perfetto media per la realizzazione del business del turismo sportivo ma anche per la creazione di numerose alternative di incontri b2b. Ne parliamo con Cristiano Carrera, impegnato da un ventennio con la sua TUTTO GOLF, nello sviluppare pacchetti di servizi a favore di aziende e golfisti.
Sponsornet: Quando nasce Tutto Golf?
Cristiano Carrera: Tutto Golf nasce nel 1991 come agenzia di organizzazione eventi nel mondo del golf dotata di una bipolarità ben precisa che è quella di rivolgersi sia al pubblico golfista, che intende con il nostro intervento vivere il momento-partita in modo particolare, sia alle aziende, che intendono utilizzare il golf come vetrina per il loro marchio e come mezzo per facilitare la creazione di un legame emotivo con il cliente.

Sponsornet: Che tipo di attività organizzate per le aziende?
Cristiano Carrera:  Oggi la formula più richiesta è quella dell’ Invitation, ovvero l’invito dell’azienda, all’interno di un circolo, ai propri clienti, clienti che nella maggior parte dei casi non sono golfisti, ma che nell’occasione hanno la possibilità di trascorrere una giornata cimentandosi in questo sport. Si tratta di un prodotto che sta registrando un discreto successo, del resto il golf è per molti una novità per cui diventa un piacevole diversivo ai tradizionali business forum aziendali. L’anno scorso al Golf Resort di  Matilde di Canossa  abbiamo organizzato un evento per Mulino Bianco, evento che ha coinvolto con grande entusiasmo più di 120 agenti.  Oltre alle Invitation, oggi proponiamo un nuovo prodotto il Business Open. Si tratta di un evento organizzato in cinque tappe,  in ognuna di queste l’azienda iscritta ha la possibilità di invitare tre clienti, i quali vanno a formare una squadra che nell’arco della giornata entra in “competizione” con le altre aziende presenti sul campo da golf.


Sponsornet: A quanto ammonta il costo di questo pacchetto?
Cristiano Carrera:  La quota d’iscrizione è di 1000 euro, cifra che include la partecipazione a cinque tappe, l’accesso al servizio di catering allestito presso l’area hospitality e gadget di diversi tipi. Il costo è moderato se si considera il duplice vantaggio che questo prodotto offre: difatti da una parte si incrementa la relazione azienda-cliente, dall’altra la presenza di più aziende allo stesso evento facilita le attività di b2b.

Sponsornet: Come promuovete i vostri prodotti?
Cristiano Carrera:  Il modo più facile è quello di essere presenti nelle alte posizioni dei motori di ricerca.

Sponsornet: In questi vent’ anni come è evoluto il golf, 100.000 iscritti sono realmente indice di crescita?
Cristiano Carrera:  Dal mio personale punto di vista la crescita non c’è stata, se si considera che in Italia il numero dei golfisti è passato da 40 mila a 100 mila, mentre in Spagna i giocatori registrati sono 300 mila ed in Francia circa 500 mila, ci si rende facilmente conto di come questo dato non indichi prosperità. A mio avviso l’aumento del numero di golfisti è dipeso unicamente dalla costruzione di nuovi campi da golf: è chiaro che costruendo un campo da golf cittadino, alcune persone si appassionano a questo sport, e questo avviene non per effetto di una strategia di marketing mirata, ma per una sorta di passa parola. Purtroppo la verità è che in Italia l’unico modo in cui il golf si alimenta è il passaparola, ma questo è solo un buono strumento in aggiunta a quelli di marketing.





Sponsornet: In media quanti golfisti gravitano attorno ad un campo da golf?
Cristiano Carrera:  È necessario anche qui fare una distinzione tra Italia e estero, difatti nel nostro paese in media in un campo da 18 buche, gravitano massimo 300 golfisti, diversamente accade in altre realtà. Si prenda il caso svedese,  paese con il maggior numero esponenziale di golfisti, in dieci anni si è passati da 40 mila a 900 mila praticanti, in un campo da golf a 18 buche giocano  in media 1500-1800 golfisti.

Sponsornet: Numeri ancora diversi, invece, negli States, paese in cui golfisti, da Tiger Woods in poi, sono delle vere è proprie star?
Cristiano Carrera:  In America ci sono 30 milioni di giocatori e circa 10.000 campi, ogni campo ha golf manager qualificati ed è iscritto alla Federazione Usa che muove un giro d’affari di 4 miliardi di dollari. Tutto ciò comporta una forte attenzione mediatica nei confronti del golf, ed ecco perché uno come Tiger Woods ha uno stipendio di circa 100 milioni all’anno ed è considerato una star.

Tutto golf
Sponsornet: Dunque  quali motivi di fondo della nostra profonda arretratezza?
Cristiano Carrera:  Io credo che il problema stia nel fatto che in Italia, diversamente da paesi come l’America, l’Inghilterra, la Svezia e tanti altri, gli imprenditori non abbiano capito che il golf sia uno strumento ideale per la gestione del tempo libero, tempo che cresce in maniera proporzionale all’età. Si consideri che in America sui 30 milioni di giocatori circa il 22% sono senior, ovvero appartengono ad pubblico over 50, dotato generalmente di alta spendibilità. Gli imprenditori americani, inglesi e svedesi, avendo compreso ciò,  si muovono in questa direzione e per incrementare i loro affari, non solo costruiscono campi da golf, ma creano delle vere proprie oasi in cui all’area sportiva fanno da corollario villette ad un piano, centro medico e tutta una serie di attività che permettono di garantire un benessere mentale e fisico.

Sponsornet: 
Negli ultimi anni il mondo dei politici italiano sembra essere maggiormente attento al golf…
Cristiano Carrera:  È vero oramai il "discorso-golf” in campagna elettorale si ripete ciclicamente, ma poi nella realtà in Italia se si vuole costruire un campo, ci si imbatte in una burocrazia estenuante. È questo è assurdo, soprattutto se si considera che al sud ci sono valanghe di siti abbandonati dove si potrebbe fare tanto. Basterebbe prendere una località servita da un aeroporto e costruirci intorno quattro campi da 18, ovvero un campo da 60 ettari. Il flusso che si creerebbe dai paesi nordici come la Svezia, ovvero da paesi in cui circa 10 milioni di persone a causa di condizioni climatiche estreme smettono di giocare da ottobre a marzo, sarebbe esorbitante.
chi è

Cristiano Carrera è nato a Genova nel 1967. Tra il 1982/1986 ha iniziato l’attività di segreteria al Golf Club Sanremo.  Dall’ ’86 all’ ’88 ha perfezionato con dei corsi la conoscenza dell’inglese e del francese. Nel 1989 è stato assunto come Segretario sportivo dalla “Promozione Golf Modena S.r.l.”. Nel ’93 diventa Direttore del Modena Golf & C.C. Nel 1997 ha dato vita alla Tuttogolf Events, agenzia specializzata nella gestione di tornei golfistici nazionali per clienti come Telecom Italia, Ferrari, ecc. e nella consulenza per la gestione dei campi golf ed ha fondato la TouristGolf Association, che si occupa di sviluppare i rapporti tra circoli per l’interscambio di giocatori e l’apporto di turisti. Nel ’97 crea la prima carta di credito dedicata ai golfisti, che tutt’ora gestisce con il partner “VISA”. Nel 2000 è  divenuto Segretario Generale dell’Associazione Italiana Tecnici Golf e nel 2002 è stato iscritto al ruolo di tecnico del golf nell’Albo Nazionale della Federazione Italiana Golf. Nel 2005 diventa Golf Manager e nel 2007 con la partnership del gruppo Trawel T.O. ha fondato la TouristGolf Italy, Tour Operator specializzato nell’ in-coming. Nello stesso anno con la Last Mile Comunication ha creato la prima rete televisiva a circuito chiuso “In Video Golf”.
azienda

Tutto Golf Events nata nel 1991, la società ha curato con intensità l'immagine di aziende che hanno scelto il golf quale biglietto da visita, ottenendo il successo auspicato. Così oggi propongono un servizio "Network", unico sul mercato golfistico; unendo "partner" di valenza primaria, vi offriamo la massima visibilità dell'evento, coinvolgendo mezzi stampa, televisivi e allestimenti di alta qualità. Da 10 anni realizziamo la "Guida turistica del Golf", viaggi con destinazioni golfistiche primarie ed incentive con "golf clinic" e tornei "invitational". Ci occupiamo del progetto dell'evento, dell'organizzazione delle gare, allestimento degli eventi, ricerca co-sponsor, grafica pubblicitaria, gadget, gestione segreteria, web hosting, mailing list, house organ.
 
< Prec.   Pros. >
torna su