Home arrow Ultime interviste arrow Le aziende arrow Il viaggio al mondiale di rugby in casa All Blacks
Interviste Sport Manager ai Protagonisti dello
Sport Business italiano e del Marketing Sportivo
Abbonamento ai Feed RSS di Ultime IntervisteFeed RSS
NAVIGA NELLE CATEGORIE:
Cerca nelle interviste
I TAG DELLE INTERVISTE
SEGUICI SU:

Seguici su YouTube Seguici su Twitter Seguici su Facebook Seguici su LinkedIn
libreria dello sport

di
anno

Il viaggio al mondiale di rugby in casa All Blacks Stampa E-mail
Marzo 2011
Intervista a Marco Cadeddu Presidente Esatour
Marco Cadeddu Marco Cadeddu
Presidente Esatour

"La specializzazione nel rugby che ci siamo costruiti in questi anni, evidentemente ci ha premiati ed ha convinto la giuria ad assegnarci l’ufficialità dell’evento... In Irlanda, nonostante gli appassionati di rugby siano il doppio degli italiani, non è stata scelta nessuna agenzia... Offriamo due tipi di soluzione: quella dei tour organizzati e quella dei pacchetti liberi"
leggi chi è
Il 9 settembre prossimo, in Nuova Zelanda, la patria degli All Blaks, ci sarà l’esordio della Coppa del Mondo di Rugby.
Sono attesi oltre 60.000 visitatori tra settembre ed ottobre 2011 e circa 238 paesi potranno sintonizzarsi per assistere in diretta televisiva a tutte le partite del torneo. Gli italiani hanno la possibilità di organizzarsi per un viaggio nella competizione mondiale con l’agenzia Esatour di Pesaro, che è l'unica agenzia ufficiale in Italia autorizzata da RWC2011, a seguito di una selezione tenutasi ad Auckland lo scorso ottobre.
Ascoltiamo le opportunità proposte dal tour operator italiano, dalla voce del suo fondatore Marco Cadeddu, di cui lo scorso anno conoscemmo i pacchetti per il mondiale sudafricano.
Esatour è travel agent ufficiale ed esclusivo per l’Italia per i prossimi mondiali di rugby. Che significato ha per voi questo contratto di esclusiva?

Marco Cadeddu: Aver partecipato ad una selezione indetta dal comitato organizzatore Rugby World Cup 2011, insieme a circa 500 tour operator e agenzie di viaggio di tutto il mondo, ed essere stati prescelti in questo ventaglio appena citato, è per noi motivo di grande orgoglio. Per la prima volta nella storia del mondiale, è stata scelta un’agenzia italiana. La specializzazione nel rugby che ci siamo costruiti in questi anni, evidentemente ci ha premiati ed ha convinto la giuria ad assegnarci l’ufficialità dell’evento.

torna alle domande
Il diritto in esclusiva non è legato al paese?

Marco Cadeddu: No, assolutamente. Dipende dalle potenzialità dell’agenzia. Ad esempio in Francia ci sono 4 agenzie, ma il movimento rugbistico francese non è paragonabile a quello italiano. In Inghilterra ce ne sono tre mentre in Irlanda, nonostante gli appassionati di rugby siano il doppio degli italiani, non è stata scelta nessuna agenzia. Anche la Russia che partecipa al mondiale non ha un’agenzia ufficiale.

torna alle domande
Quali opportunità offrite ai consumatori?

Marco Cadeddu: Offriamo due tipi di soluzione: quella dei tour organizzati e quella dei pacchetti liberi. Quest’ultima sta raccogliendo maggiori consensi in quanto il fruitore è in grado di muoversi liberamente senza alcuna “costrizione”. Abbiamo creato 14 pacchetti diversi che possono essere combinati in maniera modulare.

torna alle domande
Nuova Zelanda rugby 2011 Quanto costa il pacchetto per il singolo turista?

Marco Cadeddu: La combinazione hotel più biglietto parte da 225 euro ed include una notte a Nelson e la partita Italia-Stati Uniti. Il pacchetto per la finalissima costa intorno ai 2000 euro con tre notti ad Auckland e il biglietto per la finale. I tour vanno dai 5.000 ai 6.000 euro "all inclusive".

torna alle domande
Quali sono le vostre previsioni di vendita?

Marco Cadeddu: Mi auguro di riuscire a portare in Nuova Zelanda un migliaio di persone. Non sarà facile ma ci proveremo.

torna alle domande
Avete coinvolto una rete di partner in questa operazione?

Marco Cadeddu: Stiamo promuovendo l’evento da più di un anno. L’abbiamo fatto durante il Sei Nazioni dell’anno scorso e durante i Test Match di Novembre. Collaboriamo inoltre sia con turismo Nuova Zelanda sia con il consolato e l’ambasciata neozelandese. Abbiamo poi la nostra rete commerciale che segue le agenzie italiane e le aziende che si rivolgono a noi. Collaboriamo infine con l’Associazione Italiana Rugbisti di L’Aquila che conta tantissimi iscritti.

torna alle domande
Quali sono le regioni italiane che contano il maggior numero di appassionati al rugby?

Marco Cadeddu: Le regioni con più appassionati sono il Veneto, la Lombardia, la Toscana, il Lazio e l’Abruzzo.
È necessario che la nazionale italiana ottenga qualche risultato positivo per recuperare un po’ di interesse che è andato scemando rispetto al boom del 2008-2009.

torna alle domande
Si aprono nuove prospettive in Nuova Zelanda per le aziende italiane?

Marco Cadeddu: Insieme al consolato abbiamo in previsione varie iniziative rivolte alle aziende. La situazione economica non aiuta ma sicuramente faremo qualcosa.

torna alle domande
Avete stretto un rapporto di collaborazione con la Federazione Italiana Rugby o “viaggiate” separatamente?

Marco Cadeddu: Viaggiamo separatamente. Abbiamo chiesto una collaborazione a livello d’immagine e visibilità ma non abbiamo trovato un accordo.

torna alle domande

chi è

Marco Cadeddu.
Nato nel 1966 a Pesaro. Ha lavorato presso vari Tour Operator di Pesaro, l’Associazione Pesarese Albergatori, Riviera Incoming (Tour Operator Confcommercio). Dal 1997 è il Presidente di Esatour di cui è anche fondatore. È giornalista pubblicista.
azienda

Esatour Travels & Events è un Tour Operator nato nel 1997 con sede a Pesaro.
Da più di dieci anni promuove con successo i principali eventi sportivi, operistici e musicali in Italia ed in Europa, organizza tornei sportivi e propone incentive, meeting e teambuilding activity per la propria area corporate. La sua offerta, mirata e professionale, comprende "pacchetti completi" inclusi servizi di biglietteria, che consentono di partecipare a manifestazioni internazionali di prima grandezza, dallo sport alla musica, fino alle grandi premieres e gli eventi unici. Costituiscono il fiore all'occhiello di Esatour i principali campionati di calcio europei (Serie A, Liga spagnola, Premierleague inglese, Ligue 1 francese, Sagres Liga portoghese) e sudamericana (Premiera Division Argentina), la Champions League e la Coppa Uefa, la Formula Uno, il MotoGP, la Superbike, il grande rugby internazionale, i principali tornei di Tennis in Europa, l'opera lirica (nelle sue sedi più prestigiose quali la Scala di Milano, la Fenice di Venezia, l'Arena di Verona, ecc), i concerti delle star del rock, i musical, le serate speciali
 
< Prec.   Pros. >
torna su