Home arrow Ultime interviste arrow Le aziende arrow Le attività sui media che valorizzano lo sponsor
Interviste Sport Manager ai Protagonisti dello
Sport Business italiano e del Marketing Sportivo
Abbonamento ai Feed RSS di Ultime IntervisteFeed RSS
NAVIGA NELLE CATEGORIE:
Cerca nelle interviste
I TAG DELLE INTERVISTE
SEGUICI SU:

Seguici su YouTube Seguici su Twitter Seguici su Facebook Seguici su LinkedIn
libreria dello sport

di
anno

Le attività sui media che valorizzano lo sponsor Stampa E-mail
Settembre 2010
Intervista a Paolo D'Ammassa Amm.Del. della Connexia Srl 
Paolo d'Ammassa  PAOLO D'AMMASSA
Amm.Del. della Connexia Srl 

“Spesso interveniamo quando la sponsorizzazione è già stata definita dal cliente e dall’agenzia di sport marketing, e a noi viene richiesto di capitalizzare ulteriormente l’investimento in termini di visibilità mediatica o attraverso altre attivazioni non incluse nel contratto. Ad esempio Fiat, per quanto riguarda il Fiat Yamaha Team al Moto GP, ci ha chiesto di valorizzare questa sponsorizzazione dandone visibilità sui media extrasettore che abitualmente non dedicano spazio alla Moto GP”
La valorizzazione delle sponsorizzazioni è un tema che spesso dibattiamo con i nostri interlocutori, perché è ormai concetto acquisito che, per massimizzare gli investimenti effettuati dalle aziende sponsor, sia necessario attivare una serie d’iniziative nell’ambito della comunicazione e del marketing, a sostegno della stessa sponsorizzazione. Una realtà in Italia specializzata nell’ideazione e realizzazione di queste attività al fianco degli sponsor, è l’agenzia Connexia. Ce nei racconta l’ approccio ed alcuni casi concreti, l’a.d. Paolo D’Ammassa, che abbiamo incontrato nei nuovi uffici milanesi del gruppo Alchimia guidato da Marina Salomon.
Sponsornet: Presentiamo Connexia, nota agenzia di comunicazione che si presenta al mercato, ormai da più di dieci anni, come “facilitatore di relazioni”.
Paolo d'Ammassa: Connexia è un’agenzia di comunicazione che da oltre tredici anni si occupa di creare e gestire la relazione fra la marca e i propri stakeholder attraverso i media. Con stampa, radio e tv l’attività principale è quella di relazioni pubbliche e ufficio stampa, mentre sul media Internet ci occupiamo sia di progettare e realizzare gli strumenti della relazione, siti, blog, web tv, concorsi, etc., che di governare le relazioni attraverso le attività di Internet PR, social media marketing, e il contatto costante con gli opinion leader della rete.
Proprio per questo approccio integrato, che le aziende apprezzano in virtù della loro efficacia dal punto di vista mediatico e di engagement del consumatore, ci piace definire Connexia un’agenzia di comunicazione multicanale. Siamo infatti tra i fondatori, insieme a Nielsen, Nielsen Online e la School of Management del Politecnico di Milano, dell’Osservatorio Multicanalità, un progetto di ricerca che si propone di monitorare l’evoluzione del consumatore multicanale e l’influenza di internet nel processo di acquisto.



Sponsornet: Connexia ha diversi clienti nel settore sportivo. Supportate quindi le aziende che investono nello sport, spesso come sponsor, attraverso le loro attività di  progettazione di servizi di comunicazione ad hoc (ufficio stampa, iniziative promozionali, siti internet dedicati, etc) soprattutto attraverso il web.
Paolo d'Ammassa:  Queste numerose collaborazioni in ambito sportivo nascono dalla grande passione mia e dei miei colleghi per lo sport, che è decisamente nel DNA di Connexia. Per nostro interesse personale, oltre che professionale, abbiamo sempre monitorato a livello internazione le best practice in ambito sportivo che valorizzano attraverso i media il ritorno sull’investimento delle sponsorizzazioni.
Tra le nostre collaborazioni, supportiamo Fiat nella valorizzazione della sponsorizzazioni del Fiat Yamaha Team al Moto GP e del Fiat Freestyle Team, seguiamo relazioni pubbliche e ufficio stampa di Eurosport, piattaforma multimediale leader in Europa nell’intrattenimento sportivo, di Quiksilver, brand di abbigliamento sportivo che a settembre organizza in Francia una delle due tappe europee del campionato mondiale di surf da onda, e di Unibet, player di scommesse online.
In passato, in collaborazione con l’ufficio sponsoring di Fiat, abbiamo curato le attività di RP e ufficio stampa della sponsorizzazione Fiat alle Olimpiadi 2006 di Torino e il progetto “Fabbrica Italiana Atleti”, un gruppo di 10 giovani atleti che hanno partecipato ai Giochi Olimpici di Pechino 2008. Sempre alle Olimpiadi 2006 di Torino abbiamo seguito la comunicazione del “Club Bud”, una piramide costruita ad hoc da Budweiser per ospitare diversi eventi durante il gametime e sempre per Budweiser Connexia ha gestito una crisi nata durante i Mondali di Calcio 2006 in Germania dalla protesta dei produttori locali di birra, relativa ai diritti di sponsorizzazione acquisiti dall’azienda.

Sponsornet: Concretamente in cosa consiste la valorizzazione del brand alla quale puntate, a partire dall'acquisizione dei diritti d'immagine?
Paolo d'Ammassa: Spesso interveniamo quando la sponsorizzazione è già stata definita dal cliente e dall’agenzia di sport marketing, e a Connexia viene richiesto di capitalizzare ulteriormente l’investimento in termini di visibilità mediatica o attraverso altre attivazioni non incluse nel contratto.
Il nostro lavoro inizia quindi con un’analisi di dettaglio dei diritti acquisiti dalla sponsorizzazione sulla base dei quali identifichiamo sia i media che non vengono raggiunti dalla sponsorizzazione che le opportunità di attivazione.
Ad esempio Fiat, per quanto riguarda il Fiat Yamaha Team al Moto GP, ci ha chiesto di valorizzare questa sponsorizzazione dandone visibilità sui media extrasettore che abitualmente non dedicano spazio allo Moto GP. Abbiamo quindi identificato una serie di story angle creativi che fossero appealing per queste riviste: per coinvolgere le testate femminili ad esempio, che non trattano abitualmente questi argomenti, abbiamo invitato alcune giornaliste a vivere un week end da Umbrella Girl al fianco dei piloti. Sempre per una rivista femminile, abbiamo proposto un servizio sulle donne che lavorano nel Fiat Yamaha, che sono state intervistate e fotografate prima al lavoro e poi in studio a Milano con abiti fashion.  Cambiando target, abbiamo realizzato diverse interviste al cuoco del team per varie trasmissioni culinarie. Sempre per alzare il livello di attenzione dei media, individuiamo poi celebrità e personaggi noti appassionati di moto o tifosi dei piloti che invitiamo nel paddock del Fiat Yamaha Team per assistere alla gara.
Sponsornet: Sul fronte del coinvolgimento del consumatore invece, quali sono le attività che ideate per creare engagement?
Paolo d'Ammassa: Nella maggior parte dei casi si tratta di concorsi. Rimanendo in ambito Fiat Yamaha Team, abbiamo progettato il concorso per diventare l’Umbrella Girl ufficiale, a cui hanno preso parte oltre mille ragazze da tutta Italia.
Per il pubblico maschile invece, abbiamo ideato un concorso nel quale ai partecipanti è stato chiesto di ridisegnare la livrea della moto. Il design vincente è stato poi realizzato e ha corso nell’ultima prova del campionato 2009 a Valencia con Jorge Lorenzo.

Sito Connexia
Sponsornet: Le agenzie di sport marketing nella maggior parte dei casi si limitano a fare da tramite per la chiusura della sponsorizzazione che poi non sempre valorizzano con relazioni b2b tra le aziende sponsor.
Paolo d'Ammassa: Queste società non sono nostri competitor: di solito le agenzie di sport marketing con cui collaboriamo regolarmente focalizzano il follow up della sponsorizzazione su attività below the line quali roadshow, concorsi e incentive. Noi integriamo queste attività con un valore aggiunto per quanto concerne la visibilità sui media tradizionali con le attività di ufficio stampa, e su Internet attraverso le attività di social media marketing.



Intervista curata da: Bianca Angrisani
chi è

Paolo d'Ammassa, classe 1967, è oggi amministratore delegato di Connexia, da lui fondata nel 1997 quale agenzia specializzata nella realizzazione di strategie e strumenti di comunicazione online e offline.
Agli inizi della sua carriera lavorativa Paolo d’Ammassa è stato responsabile commerciale per le riviste di Informatica del Gruppo Editoriale Jackson (oggi VNU Business Publications). Nel 1995 è diventato responsabile della pubblicità di Italia Online e ha seguito lo sviluppo della testata Online Magazine, approfondendo la conoscenza del mercato Internet e delle sue potenzialità. Nel 1996 entra nel mondo wireless, come marketing manager di HS-CAST, società del gruppo Il Sole 24 Ore dedicata alla trasmissione satellitare del quotidiano ai lettori residenti all'estero. E’ iscritto alla FERPI (Federazione Relazioni Pubbliche Italiana) e docente per Luiss Management e Ernst & Young Business School relativamente alle tematiche di comunicazione.


azienda

Connexia è una realtà italiana, parte del gruppo Alchimia, che da oltre tredici anni gestisce relazioni efficaci e di lungo periodo fra l’azienda e i propri stakeholder, attraverso un approccio multicanale.
L’agenzia, con sede a Milano, si occupa di progetti integrati di RP e Ufficio Stampa creativo, Social Media Marketing, Comunicazione Multimediale e Interattività Online.
Fondata nel 1997 dall'attuale amministratore delegato Paolo d'Ammassa, Connexia può contare su una solida struttura costituita da oltre 55 professionisti fortemente motivati e un pool di collaboratori esterni specializzati. I settori di appartenenza sono: sport, automotive, travel, hi-tech, fashion, food & beverage e corporate.
Connexia dispone inoltre di un network internazionale di agenzie di comunicazione e vanta numerose partnership operative sul fronte new media e internet Pr in UK, Germania, Spagna, Svezia, Cina e Stati Uniti.
 
< Prec.   Pros. >
torna su